le ultime colombe



 

 

 

 

Il ritorno di un canto
 
 

 

quanto sole s' posato

sulle tue spalle acute?

quanto s' inumidito l'occhio

a sentire i palmi soli?

come fossi rimasta

voltata fino al tramonto

e fossi poi scesa

a sera verso il fiume

lasciando solo un velo

di garza sull'acqua.

scendi dal cielo

e rischiara col tuo sorriso:

non sopporto il merlo

che fischia al vento

sulla mia collina.